martedì 30 marzo 2021

ASSEMBLEA SOCIALE ASD ATLETICA 2000 E PRESENTAZIONE BILANCIO 2020

 



con la presente è convocata l'assemblea sociale per la presentazione

del bilancio dell'anno sportivo 2020


la prima convocazione è prevista per Giovedì 8 Aprile alle ore 3.00


IN SECONDA CONVOCAZIONE VENERDI' 9 APRILE 2020 ALLE ORE 21.00

 utilizzando la piattaforma google meet digitando sul web il seguente link


l'amministratore dell'assemblea, dopo aver controllato la vostra appartenenza all'associazione vi ammetterà 

per chi volesse consultarli mettiamo a disposizione i seguenti documenti

STATUTO E COSTITUZIONE

Cordiali saluti


Il Presidente dell'ASD Atletica 2000

Piergiorgio Iacuzzo

meet.go

domenica 28 marzo 2021

PERCHE' FARE ATLETICA? VI DIAMO 10 BUONI MOTIVI!


Post tratto dal sito www.atleticavelletri.it

L’Atletica leggera viene praticata dall’uomo da secoli e secoli. E se si tratta di uno sport così longevo e popolare, ci sarà un motivo, giusto? Giusto, ma non del tutto. Perché in realtà ci sono molti, moltissimi motivi per dedicarsi all’Atletica leggera, tra cui i 10 che elenchiamo qui sotto!

  1. Perché fare Atletica Leggera? Per avere una mens sana…
    Al pari di tutte le attività fisiche, anche l’Atletica leggera stimola il rilascio di endorfine nell’organismo, con conseguenti effetti positivi sull’umore. Il risultato? L’ansia e lo stress vanno a scemare, mentre l’autostima e il benessere psichico ringraziano.
  1. …in corpore sano!
    Oltre ai benefici a livello mentale, l’Atletica leggera contribuisce a sviluppare nell’individuo una maggiore padronanza del proprio corpo, che ne gioverà in termini di velocità, forza e resistenza muscolare.
  1. Per fare altolà al colesterolo
    Ma i vantaggi fisici di quest’attività sportiva non finiscono qui: chi la pratica con costanza “lavorerà” per ridurre i livelli di colesterolo e prevenire malattie cardiache, ottenendo anche miglioramenti significativi nell’efficienza del proprio apparato cardiorespiratorio.



  1. Per diventare più motivati
    L’Atletica leggera permette di diventare più motivati grazie al confronto con se stessi e con gli altri. Una sana competitività, infatti, aiuterà a gestire al meglio le sfide, le critiche e i consigli altrui, vedendo in essi degli sproni per continuare a migliorarsi.
  1. Per la sua semplicità 
    L’Atletica leggera si può praticare in qualsiasi periodo dell’anno e all’aria aperta (ovviamente quando le condizioni atmosferiche lo permettono!). Inoltre le sue discipline, ovvero la corsa, i salti e i lanci, replicano i movimenti basilari che tutti noi compiamo sin dalla più tenera età.
  1. Perché è uno sport per tutti i gusti 
    Come abbiamo visto, le macrocategorie dell’Atletica sono tre, con al loro interno diverse altre specialità. Dunque, chi si vuole avvicinare a questa attività avrà ampio margine di scelta, senza contare che potrà optare per sport di squadra o a livello individuale.



  1. Per socializzare 
    Qualunque competizione scelga, l’atleta ritroverà comunque allenamenti di gruppo, trasferte, occasioni di scambi: e questo, soprattutto per i più giovani, sarà fondamentale per costruire dei legami rafforzati dallo spirito sportivo.
  1. Per mettersi alla prova
    Per eccellere nella corsa, nei salti o nei lanci non ci vuole solo talento, ma anche impegno e perseveranza. L’allenamento è quotidiano e perciò l’atleta avrà sempre modo di testare i propri limiti, indagando la sua forza interiore ed esteriore.
  1. Perché è utile in più situazioni 
    I benefici dell’Atletica leggera saranno utili in più situazioni, anche in quelle che esulano dalla sfera sportiva. Mettersi alla prova, lavorare su se stessi, costruire legami con gli altri: se le guardiamo attentamente, notiamo che sono tutte azioni che consentono di crescere come persone, e non solo come atleti.


  1. Perché è divertente
    L’ultimo motivo – ma non meno importante – per cui vale la pena praticare Atletica leggera? Semplicemente perché è divertente! Ogni sport, del resto, presenta una forte componente ludica, che viene tanto dal contatto con gli altri quanto dall’impegnarsi in un’attività per eseguirla al meglio.

Se siamo riusciti a convincerti dai un'occhiata a cosa e dove puoi fare atletica con noi!

Clikka QUI

sabato 6 marzo 2021

ATLETICA 2000, LA SOCIETA' CULLA DI CAMPIONI


 Qui si può leggere l'articolo:

Veder crescere sportivamente – ed emergere a livello nazionale e non solo atleti e atlete nati nel proprio vivaio, o che hanno condiviso con la società parte del loro percorso sportivo, è una soddisfazione non da poco. Se a ciò si aggiunge il fatto che tra i 500 soci ben 300 sono agonisti – tra le categorie giovanili fino ai master, compresa la sezione paralimpica –, ben si capisce l’orgoglio che traspare dalle parole di Matteo Tonutti, direttore sportivo dell’Asd Atletica 2000 di Codroipo e delegato regionale Fispes-Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali. Sono tanti, infatti, i “figli” della società friulana che in questo periodo stanno salendo alla ribalta della cronaca sportiva. «Per alcuni – il fatto che ciò accada nell’anno olimpico –, fa davvero ben sperare», dice senza giri di parole Tonutti.

 Il riferimento è a Luca Campeotto, classe 1988, originario di Teor. Il velocista, a cui sono state amputate entrambe le gambe quando aveva appena 3 anni a causa di un incidente mentre era nei campi col padre – si è formato sulla pista dell’Asd. Già Nazionale le sue specialità 200 e 400 metri – ha il Giappone nel mirino e a ragione, visto il sesto tempo sui 400 metri ai Mondiali Paralimpici di Dubai.

La speranza di staccare il pass per le Paralimpiadi è condivisa anche da Ruggero Marchetti che ha tutti i “numeri” per riuscire a volare a Tokyo con la maglia della Nazionale di San Marino. Di recente, il sammarinese, classe 1992 allenato dalla friulana originaria di Torreano di Cividale, Paola Carinato – con i colori dell’Asd codroipese, ha conquistato il titolo italiano sui 60 e 200 metri indoor paralimpici e un argento nei 400.
Insomma, i motivi per immaginare un pezzetto di Atletica 2000 (società        guidata da Piergiorgio Iacuzzo) prossimamente sulla pista di Tokyo, non mancano.

E guardando al futuro di certo c’è un traguardo olimpico – anche se non imminente – pure nei sogni di due giovanissime atlete. «Sono nate nel nostro vivaio racconta Tonutti –; in Italia e nel mondo hanno acquisito una tale padronanza da emergere prepotentemente nelle rispettive discipline».
Si tratta di Costanza Donato, classe 2000, codroipese (vive a Padova dove studia e si allena), e della 25enne Sintayehu Vissa (per tutti Sinta), la velocista di origine etiope che per meriti sportivi “studia” negli Stati Uniti, dove è portacolori della Ola Missisipi University. Tutte due, prima di spiccare il volo verso altre società, sono state allenate dal tecnico targato “Atletica 2000” Cornelio Giavedoni.

Costanza, illustra il direttore sportivo, «già vice campionessa allieve con i nostri colori, oggi con la Bracco Atletica, squadra leader in ambito femminile, è sbocciata tra la scorsa e l’inizio di questa stagione imponendosi, a soli 20 anni, tra le più importanti velociste e ostacoliste d’Italia». Nella stagione indoor, appena iniziata, ha esordito nei 60 mt con l’ottimo tempo di 7’’41 – è di 7’’31 il tempo dell’olimpionica Siragusa –, risultando ad oggi la seconda velocista del Paese; sui 60hs indoor si è aggiudicata il quinto posto nelle graduatorie nazionali col tempo di 8’’35. «Costanza è la più veloce tra le ostacoliste in Italia e avendo solo 20 anni e potendo affinare ancora la tecnica, è davvero una speranza per la Nazionale italiana».

E poi c’è Sinta. Di recente, a Nashville, per la prima volta ha corso il miglio corrisponde a 1609 metri –, durante una sfida tra team universitari. Ha tagliato il traguardo davanti a tutti con 4’40’’99. «Un tempo che varrebbe un record regionale abbassato di 20 secondi, la miglior prestazione italiana del 2021 e una proiezione sui 1500 metri outdoor sui 4’20’’, ovvero tra le prime assolute in Italia», spiega Tonutti. E poi c’è quel 2’06’’45 sugli 800 metri dell’atleta-studentessa partita da Pozzecco (dove abita la sua famiglia adottiva) che risulta il terzo tempo assoluto in Italia.

C’è una terza atleta passata per Codroipo quando militava nella categoria esordienti e allieve, scoperta dall’allenatrice Chiara Grossuttti – oggi ai vertici. È Angelika Elzbieta Wegierska di origine polacca, al momento seconda in Italia nei 60 ostacoli indoor.

«Per tutti questi atleti il passaggio nella nostra società friulana è stato di buon auspicio – commenta Tonutti –; e ora facciamo il tifo perché vinca il migliore».

Monika Pascolo

Vuoi diventare nostro SPONSOR?

lunedì 1 marzo 2021

SINTAYEHU VISSA NELLA GARA DEL RECORD DEL MONDO UNDER 20


Poter dire c'ero anch'io! Quante volte ci è capitata questa occasione? Quasi mai se non mai!

La nostra atleta Sintayehu Vissa lo può dire ad alta voce. Ai Campionati indoor universitari statunitensi, durante la gara degli 800 mt eratra le sfidanti della già famosa diciottene Athing Mu, nuovo talento spaziale che sta, con potenza ed eleganza, spazzando tutti i record universitari.



Sintayehu, con una condotta di gara intelligente, è riuscita a giungere al quarto posto senza migliorare il proprio primato però... oltre ad arrivare ai piedi del podio è stata comprimaria di un evento che capita a pochi... vedere un record del mondo e correre assieme a chi l'ha realizzato!

E con lei c'era un pezzetto di Atletica 2000 e del Friuli!

Qui il link del video da gustare dall'inizio alla fine https://www.youtube.com/watch?v=peBUUZKQsaQ

E Vi lasciamo anche le presentazioni delle due atlete citate (basta clikkare sopra

ATHING MU

SINTAYEHU VISSA

via Friuli 16/b– 33033 Codroipo (UD) - asdatletica2000@gmail.com - www.atletica2000.it